Ops! I federali rivelano accidentalmente Snowden come bersaglio della loro posta elettronica

Chiunque prestasse attenzione alla chiusura di Lavabit aveva la sensazione che fosse collegato a Edward Snowden, l'informatore di alto profilo della NSA. Da quando il caso del governo contro Lavabit è diventato pubblico alla fine del 2013, la gente ne ha messi insieme due e due.

Il fondatore di Lavabit, Ladar Levison, è stato sottoposto a un ordine bavaglio negli ultimi tre anni, impedendogli di rivelare l'identità del bersaglio. . Tuttavia, l'interesse del governo per le e-mail di Snowden è stato un segreto aperto, e ora abbiamo prove concrete, tutto a causa di un vizio del governo.

Hai avuto un lavoro!

Lavabit si è chiuso nel 2013 a dispetto di un ordine del tribunale che avrebbe richiesto di compromettere la privacy di un utente, un grande no-no per un servizio di posta elettronica crittografato. Da allora, Levison ha infastidito il sistema giudiziario per dissigillare i documenti del caso e rivelare l'obiettivo del governo.

Nel dicembre 2015, Levison ha presentato una mozione chiedendo la rimozione del suo ordine di bavaglio e il rilascio di documenti. La corte ha risposto negando buona parte della sua richiesta, ma è stata ordinata la riedizione di "memorie, trascrizioni e ordini precedentemente archiviati".

L'avvertimento principale con la versione del documento era che non poteva includere "l'identità di l'abbonato e l'indirizzo email dell'abbonato. " Bene, si è scoperto che quel lavoro era un po 'troppo difficile per le autorità.

Quando i documenti furono pubblicati il ​​4 marzo su PACER, il sistema di registrazione dei tribunali aperti, mancava una redazione chiave. Dopo aver analizzato i file, è stato scoperto che uno dei documenti elencava chiaramente l'indirizzo di posta elettronica di Snowden, Ed_Snowden@lavabit.com, come destinazione (file originale qui).

Finalmente, dopo una battaglia legale di molti anni abbastanza assurda, un semplice errore ha rivelato che l'intero caso Lavabit riguardava effettivamente Edward Snowden.

Che già sapevamo.

Immagine di copertina tramite Shutterstock